RELATIVO MIGLIORAMENTO NEI PROSSIMI GIORNI MA

DA VENERDÌ PROBABILE UN NUOVO E

PIÚ MARCATO PEGGIORAMENTO

Lunedì 12 marzo ore 21:00

123181Il fronte perturbato che ci ha interessato nel corso delle ultime 24 ore ha determinato precipitazioni diffuse sulla nostra regione con quantitativi pluviometrici mediamente intorno ai 15 mm. Più abbondanti le piogge sui settori settentrionali della regione dove nel casertano - pochi minuti fa - si è abbattuta un tromba d'aria. Tra domani e mercoledì le correnti
si disporranno da ovest-nord-ovest con passaggi nuvolosi per lo più innocui, a parte residue precipitazioni nel corso della prima parte della giornata di domani.
 
Dunque nessun passaggio perturbato in area mediterranea per le prossime 72 ore con l'alta pressione che proverà ad espandersi sul comparto iberico (vedi prima mappa in basso) mentre giovedì, incalzata dall'ampia depressione ad ovest delle isole britanniche, si sposterà verso levante interessando temporaneamente le nostre regioni meridionali (vedi 2 mappa). Osservate come le correnti tenderanno a disporsi da libeccio (sud-ovest), a causa dell'affondo verso la penisola iberica della depressione Atlantica. 
123181

123182

Intanto dalle latitudini artiche si metterà in moto verso sud un lago di aria molto fredda (gelida) che riuscirà a raggiungere l'Europa centrale grazie alla formazione di un'area di alta pressione in rinforzo ad ovest della penisola Scandinava. Infatti, osservando la successiva cartina in basso possiamo apprezzare meglio questo dinamica. Alta pressione che costringerà la depressione Atlantica a scivolare verso sud-est fino a raggiungere la nostra penisola nel corso del prossimo fine settimana; vortice depressionario che sarà preceduto da intense e miti correnti di libeccio che tra giovedì e venerdì causeranno un sensibile aumento delle temperature, soprattutto nei valori minimi della notte.
123183
Pertanto, almeno fino a domenica 18 marzo, la nostra penisola NON verrà interessata da nessuna ondata di freddo ma solo da correnti di provenienza oceanica che potrebbero determinare abbondanti precipitazioni. Il gran freddo che andrebbe ad interessare l'Europa centro-settentrionale potrebbe essere dirottato ulteriormente verso sud solo con la formazione di un blocco anticiclonico sull'Atlantico. Al momento non sussistono elementi sufficienti per poter avvalorare questa ipotesi anche se alcune corse modellistiche abbozzano questa tendenza. Il segnale per ora è debole per cui occorre attendere ancora un paio di giorni, dando tempo alle elaborazioni numeriche di inquadrare al meglio l'impianto barico sul nostro continente. Gli annunci che sicuramente avrete letto negli ultimi giorni circa il ritorno del gelo e della neve sull'intera penisola, scaturiscono più dalla fantasia che da una corretta interpretazione ed elaborazione dei prodotti modellistici.
 

Molto brevemente, per domani (martedì) ci attendiamo ancora condizioni di instabilità nella prima parte della giornata con residue precipitazioni. Temperature in ulteriore lieve diminuzione e venti moderati da ovest-nord-ovest. Ulteriore miglioramento nella giornata di mercoledì con cielo irregolarmente nuvoloso ma con basso rischio di precipitazioni; temperature stazionarie e venti deboli occidentali. Nessun cambiamento significativo nella giornata di giovedì a parte un rinforzo del vento da libeccio e temperature in sensibile aumento dal pomeriggio, sintomo del cambiamento del tempo che si concretizzerà nel fine settimana.

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti in anteprima iscriviti al gruppo facebook; vai qui  e clicca sul bottone iscriviti.

Giuseppe Stabile Copyright 2018 Meteocilento - Riproduzione Riservata

42166

 

Articoli popolari

Articoli recenti

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per assicurarti la migliore esperienza di navigazione e per mostrarti messaggi pubblicitari personalizzati.
Per informazioni dettagliate sulla tipologia ed impiego dei cookie in questo sito web ti invito a cliccare sul tasto "Approfondisci".
Se si prosegue alla navigazione su questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.