Tessera

Archivio storico

archivio news

L'IMPORTANZA DELLA STAZIONE METEOROLOGICA

 

stazionemeteoPer un monitoraggio costante dei fenomeni meteorologici su una determinata area geografica occorre l’installazione di una strumentazione composta da termometro, igrometro, barometro, anemometro e pluviometro, per avere le misure rispettivamente di temperatura, pressione, direzione ed intensità del vento e quantità di precipitazioni. Questi strumenti assemblati formano la cosiddetta stazione meteorologica che può essere integrata da altri strumenti non meno importanti come ad esempio il piranometro, per misurare la radiazione solare. Inoltre per poter completare le informazioni dei dati rilevati e avere, quindi, maggiori informazioni sulle condizioni meteo, alla stazione si può collegare una webcam che registra le immagini, le quali consentono di stabilire il grado di visibilità e il tipo di copertura nuvolosa. Tutto questo permette di seguire le variazioni meteo quasi in tempo reale. Molto importante è il posizionamento della stazione, rispettando le norme imposte dall’ O.M.M. (organizzazione meteorologica mondiale) in modo da ridurre quanto più possibile l’errore di rilevamento. Le applicazioni pratiche delle osservazioni raccolte dalla stazione meteo sono molto numerose di quanto si possa immaginare. I dati di una stazione a norma sono oggetto di interesse da parte dei centri meteorologici che elaborano modelli fisici-matematici e per i quali i dati di osservazione sono fondamentali (per conoscere il tempo che farà è indispensabile prima conoscere il tempo che fa).
Le osservazioni giornaliere possono essere utilmente impiegate online per interventi urgenti a difesa del territorio, qualora, per esempio, le precipitazioni delle ultime ore superino livelli critici con il rischio di eventuali piene di torrenti e fiumi locali. In altri casi, invece in cui una persistente scarsa ventilazione faccia presagire l’imminente superamento della soglia di allarme per l’accumulo degli inquinanti in ambito urbano. Altro ancora, la stima del grado di comfort o disagio fisiologico calcolato mediante i valori combinati di umidità relativa e temperatura. Per esempio, a 40° C e con un’umidità del 10% si sta decisamente meglio rispetto ad una temperatura di 30°C ma con un’umidità dell’80%. Ma le osservazioni locali online, hanno trovato recentemente, un’altra utile applicazione anche nei modelli fisico-matematici nei quali, mentre l’elaborazione previsionale al PC è in atto, il confronto tra il dato osservato all’istante e quello previsto per quell’ora reperibile sul web, consente di effettuare una correzione di rotta nel modello stesso , ottenendo così, nell’ambito delle successive 6-18 ore, previsioni locali più precise rispetto a quelle ottenute con i modelli tradizionali".
 
Se vuoi ricevere gli aggiornamenti in anteprima iscriviti al gruppo facebook; vai qui  e clicca sul bottone iscriviti.
Giuseppe Stabile Copyright 2017 Meteocilento - Riproduzione Riservata
42166
 
 

 

Articoli popolari

Articoli recenti

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per assicurarti la migliore esperienza di navigazione e per mostrarti messaggi pubblicitari personalizzati.
Per informazioni dettagliate sulla tipologia ed impiego dei cookie in questo sito web ti invito a cliccare sul tasto "Approfondisci".
Se si prosegue alla navigazione su questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.